Home
Breaking news
FONTE: MF - DJ NEWS
10:3029-07-2016
STORIE DI BORSA: Mediaset, Vivendi le costa 3 downgrade
10:1629-07-2016
STORIE DI BORSA: Generali vola con conti oltre attese
10:0329-07-2016
Mercati: i consensi dei prossimi dati macro italiani ed esteri di oggi
10:0029-07-2016
BORSA: Milano sovraperforma resto Ue con banche
09:0229-07-2016
EUROBORSE: aperture di Francoforte, Londra, Parigi e Madrid
08:3729-07-2016
BORSE UE: avvio sopra la parita', WS debole
08:2029-07-2016
BORSA: commento di preapertura
08:0129-07-2016
BORSE USA: Ws resiste dopo Fomc ma petrolio scende ancora
08:0129-07-2016
BORSE SUD AMERICA: le chiusure di ieri degli indici
08:0129-07-2016
Borse Usa: chiusure di ieri di Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq
08:0029-07-2016
L'agenda di oggi
08:0029-07-2016
Mercati: i dati macro italiani ed esteri di oggi
19:3028-07-2016
L'agenda di domani
19:0028-07-2016
Wall Street: sotto la parita', incertezza dopo Fed
17:4328-07-2016
BORSA: commento di chiusura
16:4728-07-2016
WALL SREEET: prosegue debole, la Fed non convince il mercato
15:5828-07-2016
BORSA: Ftse Mib resta negativo dopo WS, Enel accelera con conti
15:4828-07-2016
Wall Street: parte debole, la Fed non convince il mercato
10:3029-07-2016
STORIE DI BORSA: Mediaset, Vivendi le costa 3 downgrade
   MILANO (MF-DJ)--Serie di bocciature per Mediaset, che dopo i conti trimestrali perde il 5,96% a 2,778 euro
in Borsa. 

  Kepler Cheuvreux, Equita Sim e Liberum hanno abbassato i rispettivi giudizi sull'azione da buy a hold. 

In particolare, Kepler Cheuvreux, che ha tagliato il prezzo obiettivo da 3,7 a 2,9 euro, sottolinea come i conti trimestrali
siano stati "penalizzati dal riconsolidamento delle attivitá della pay tv, che ha segnato un risultato negativo di circa 37
mln euro. Il Cda, come da attese, ha rigettato la proposta di Vivendi, autorizzando a procedere con le vie legali. L'outlook
sulla pubblicitá nel terzo trimestre resta positivo, ma c'è l'impatto derivante dalla performance negativa di Premium, su
cui la visibilitá è bassa. Tagliamo le stime di Eps 2016-2018 del 35%".

Equita Sim ha escluso il titolo dal proprio portafoglio principale, con target price che scende da 4,2 a 3,5 euro. "La pay
tv perde 100 mln nel primo semestre; nessuna guidance sull'anno"; sintetizza Equita, che ha ridotto la stima di Ebit 2017
del 20% e quella di utile del 35%. 

"Peggioriamo le stime consolidando la pay-tv e ipotizzando un trend piú negativo con il breakeven nel 2018", spiegano gli
analisti. "Non facciamo ipotesi sul possibile valore del risarcimento dalla causa legale, ma valutiamo la pay-tv il 50% del
valore del deal con Vivendi".

  "Passiamo a hold perchè: la rottura con Vivendi fa venir meno
un`alleanza strategica che avrebbe potuto portare a una convergenza con
Telecom I.; la pay-tv registra perdite superiori alle attese (100 mln nel
primo semestre contro i 70 mln stimati) e il suo consolidamento causa una
riduzione a elevata doppia cifra delle stime; un conflitto con Vivendi
può essere dannoso anche per il core-business (le telecoms valgono il 9%
della pubblicitá) e i tempi di una causa legale rischiano di essere
lunghi. Una soluzione con Vivendi che porti al deconsolidamento della
pay-tv cambierebbe lo scenario", conclude Equita.

Infine, Liberum ha quasi dimezzato il proprio target price su Mediaset, che passa da 7 a 3,8 euro. Tre i motivi del
downgrade a hold: "possibile reintegro di Premium, che è in forte perdita, il fatto che un outlook macro piú debole in
Italia probabilmente si rifletterá nei trend dei consumi e i piani aggressivi da parte dei competitor per conquistare quote
di mercato", spiegano gli analisti.

pl
paola.longo@mfdowjones.it
(fine)


MF-DJ NEWS
2910:30 lug 2016
 
10:1629-07-2016
STORIE DI BORSA: Generali vola con conti oltre attese
   MILANO (MF-DJ)--Raffica di acquisti su Generali Ass. in Borsa dopo i
conti trimestrali oltre le attese degli analisti. Il titolo, che e' stato
anche sospeso dagli scambi, sale del 10,19% a 12,11 euro.

  I risultati trimestrali di Generali Ass. sono "migliori delle attese sia
nel Vita sia nel Danni", sostiene Equita Sim. Sul titolo la
raccomandazione è hold, con prezzo obiettivo a 16,2 euro.

  Kepler Cheuvreux (rating buy, prezzo obiettivo a 13,3 euro) parla di
"risultati forti e di messaggi fiduciosi" emersi dalla trimestrale. 

  L'operating profit è dell'8% superiore alle stime degli analisti e per
Kepler Cheuvreux "tutte le divisioni hanno registrato risultati operativi
di alta qualitá. Piú solido del previsto anche il solvency ratio, stabile
nel secondo trimestre nonostante mercati difficili".

  Hammer Partners infine ha alzato la raccomandazione sulla compagnia
triestina da sell a buy, con prezzo obiettivo a 16,2 euro. Gli analisti
citano i risultati trimestrali "solidi" e la valutazione "interessante"
del titolo.


pl
paola.longo@mfdowjones.it
(fine)


MF-DJ NEWS
2910:16 lug 2016
 
10:0329-07-2016
Mercati: i consensi dei prossimi dati macro italiani ed esteri di oggi
   MILANO (MF-DJ)--Questi i consensi dei prossimi dati macro-economici
della giornata forniti in mattinata dalla Direzione Centrale Servizio
Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo:

  *EUROZONA
   11h00 - Pil 2* trim. preliminare
           (precedente: +0,6% m/m, +1,6% a/a;
            previsione: +0,3% m/m, +1,6% a/a)
         - inflazione preliminare luglio
           (precedente: +0,2% m/m; +0,1% a/a;
            previsione: +0,1% a/a;
            consenso: +0,1% a/a)
         - inflazione core preliminare luglio
           (precedente: inv. m/m, +0,9% a/a;
            previsione: +0,8% a/a;
            consenso: +0,8% a/a)
         - tasso disoccupazione giugno
           (precedente: 10,1%;
            previsione: 10,1%;
            consenso: 10,1%)

  *ITALIA
   11h00 - inflazione preliminare luglio
           (precedente: +0,1% m/m, -0,4% a/a;
            previsione: inv. m/m, -0,3% a/a;
            consenso: inv. m/m, -0,3% a/a)
         - inflazione armonizzata preliminare luglio
           (precedente: +0,2% m/m, +0,2% a/a;
            previsione: -1,8% m/m, -0,1% a/a;
            consenso: -1,9% m/m, -0,2% a/a)
         - indice dei prezzi di produzione giugno
           (precedente: +0,5% m/m, -3,7% a/a)

  *USA
   14h30 - Pil 2* trim. (advance)
           (precedente: +1,1% t/t;
            previsione: +2,6% t/t;
            consenso: +2,6% t/t)

  *BELGIO
   15h00 - Pil 2* trim. preliminare
           (precedente: +0,2% t/t)

  *USA
   15h45 - indice Napm Chicago luglio
           (precedente: 56,8 punti;
            previsione: 55 punti;
            consenso: 54,6 punti)
   16h00 - indice fiducia consumatori U.Michigan finale luglio
           (precedente: 89,5 punti;
            previsione: 94 punti;
            consenso: 90,2 punti)

alb
alberto.chimenti@mfdowjones.it
(fine)


MF-DJ NEWS
2910:03 lug 2016
 
10:0029-07-2016
BORSA: Milano sovraperforma resto Ue con banche
   MILANO (MF-DJ)--Il Ftse Mib guadagna l'1,09% a 16.705 punti e scambia in positivo con l'Ibex (+0,76%), il
Dax (+0,41%) e il Cac-40 (+0,12%) mentre il Ftse 100 cede lo 0,23%. 

  A piazza Affari in luce Generali Ass. (+6,92%) che beneficia dell'ottima trimestrale. 

Molto bene il comparto bancario: B.Mps +6,1%, Unicredit +3,77%, B.P.E.Romagna +3,6%, Intesa Sanpaolo +2,52%, Mediobanca
+1,92%, B.Popolare +1,8%, Ubi B. +1,77% e B.P.Milano +1,65%.

In rosso invece Mediaset (-5,82% a 2,784 euro): dopo la trimestrale Kepler Cheuvreux ha tagliato sul titolo la
raccomandazione da buy a hold con prezzo obiettivo che passa da 3,7 a 2,9 euro.

  In calo anche Saipem (-2,22%), Eni (-1,61%) e YNap (-0,8%).

sda
susanna.scotto@mfdowjones.it
(fine)


MF-DJ NEWS
2910:00 lug 2016
 
09:0229-07-2016
EUROBORSE: aperture di Francoforte, Londra, Parigi e Madrid
   MILANO (MF-DJ)--Questi i valori degli indici principali delle Borse di
Francoforte, Londra, Parigi e Madrid dopo i primi scambi:
  - Francoforte   Dax          10.320,99  punti    (+0,45%)
  - Londra        Ftse 100     
6.704,54  punti    (-0,25%)
  - Parigi        Cac 40        4.433,50  punti    (+0,29%)
  - Madrid      
Ibex-35       8.517,60  punti    (+0,45%) 

 

alb
alberto.chimenti@mfdowjones.it
(fine)


MF-DJ NEWS
2909:02 lug 2016
 
08:3729-07-2016
BORSE UE: avvio sopra la parita', WS debole
   MILANO (MF-DJ)--Partenza vista in modesto rialzo per le principali piazze europee. 

  IG vede in avvio il Dax in progresso di 81 punti a 10.355, il Cac-40 di 30 punti a 4.450 e il Ftse-100 di 18 punti a 6.739.

  Si attende per oggi la pubblicazione dei risultati degli stress test sulle banche europee.

Poco mossa ieri la chiusura di Wall Street (Dow Jones -0,09%, S&P 500 +0,16%). "A questo punto, sembra che il mercato
sia un po' stanco", afferma Zhiwei Rein, portfolio manager di Penn Mutual Asset Management.

red/est/pl

(fine)


MF-DJ NEWS
2908:37 lug 2016
 
08:2029-07-2016
BORSA: commento di preapertura
   MILANO (MF-DJ)--Partenza vista un po' sopra la parita' per le principali piazze europee.

"Avvio di seduta nell'ordine del +0,2/0,3%", afferma un gestore. Modesta la decisione di politica monetaria della Bank of
Japan, che ha lasciato invariato il tasso di deposito e non ha aumentato gli acquisti di titoli di Stato.

A piazza Affari "occhi puntati sulle banche in attesa della pubblicazione dei risultati degli stress test, prevista in
serata", aggiunge l'esperto.

  Focus su B.Mps, nel giorno dei conti e in attesa dell'ok della Bce al piano di messa in sicurezza della banca. 

In questo contesto, secondo la stampa si e' inserito un piano alternativo, frutto di un progetto di Ubs e dell'ex Ceo di
Intesa Sanpaolo, Corrado Passera, che oggi dovrebbe essere presentato al Cda di Mps.

Da monitorare poi Generali Ass. ed Eni dopo i conti trimestrali, e  Mediaset, che, in occasione della trimestrale, ha
annunciato azioni legali contro Vivendi per la vicenda Premium.

pl
paola.longo@mfdowjones.it
(fine)


MF-DJ NEWS
2908:20 lug 2016
 
08:0129-07-2016
BORSE USA: Ws resiste dopo Fomc ma petrolio scende ancora
   MILANO (MF-DJ)--Dopo i ribassi che hanno contraddistinto le borse europee, molto guardinga anche Wall
Street dove l’indice Dow Jones ha perso lo 0,09%, mentre l'S&P 500 è salito dello 0,16% e il Nasdaq dello 0,3%. Male
invece i prezzi del petrolio che hanno continuato a scendere.

Il Fomc nel frattempo ha affermato che i rischi sull'outlook di breve termine dell'economia Usa sono diminuiti, ma non ha
dato indicazioni precise sul prossimo rialzo dei tassi di interesse, lasciando il mercato in preda all'incertezza.

  Questi i titoli del Nasdaq piú attivi:
                                                   usd      var
Facebook, Inc.         
102,95    +6,50
Groupon, Inc.                                     4,87   +28,84
Sirius XM Holdings Inc. 
4,36    -0,91
Apple Inc.                                      104,34    +1,35
Microsoft Corporation     
56,21    +0,04
region                                           32,48    +1,82
Micron Technology, Inc.  
13,81    -2,68
GoPro, Inc.                                      13,02   +12,53
Whole Foods Market, Inc. 
30,61    -9,01
Cisco Systems, Inc.                              30,52    -0,78 
  Questi i titoli
del Nyse piú attivi:
                                                  usd       var
Ford Motor Company     
12,71     -8,16
Bank of America Corporation                     14,68     +0,34
Whiting Petroleum
Corporation                    6,84     -6,94
Chesapeake Energy Corporation                    5,19     
inv.
ArcelorMittal                                    6,15     +2,16
Twitter, Inc.                      
16,31     +3,42
VALE S.A.                                        5,80     +0,52
Weatherford
International plc                    5,72     -0,17
Potash Corporation of Saskatchewan Inc.         15,91    
-7,23
General Electric Company                        31,25     -0,10 

 

alb

(fine)

MF-DJ NEWS
2908:01 lug 2016
 
08:0129-07-2016
BORSE SUD AMERICA: le chiusure di ieri degli indici
   MILANO (MF-DJ)--Le chiusure di ieri degli indici azionari del Sud
America:
Indice                      Chiusura    Var.punti    Var.%  Var. da 1/1
Buenos A    
MERVAL          15.455,14   -243,55    -1,55  +32,38
Caracas      General         12.390,76     68,50     0,56 
-15,06
Mexico C     IPC             46.833,87     21,80     0,05   +8,97
Santiago     IPSA            
3.226,07     -5,68    -0,18   +9,59
Sao Paulo    BOVESPA         56.667,12   -185,72    -0,33  +30,72

 

alb

(fine)

MF-DJ NEWS
2908:01 lug 2016
 
08:0129-07-2016
Borse Usa: chiusure di ieri di Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq
   MILANO (MF-DJ)--Questi i valori delle chiusure di ieri degli indici
Dow Jones, Nasdaq Composite e S&P 500:
  - Dow Jones                18.456,35      (-0,09%)
  - Nasdaq Composite          5.154,98     
(+0,30%)
  - S&P 500                   2.170,06      (+0,16%) 

 

alb
alberto.chimenti@mfdowjones.it
(fine)

MF-DJ NEWS
2908:01 lug 2016
 
08:0029-07-2016
L'agenda di oggi
   MILANO (MF-DJ)--Questi gli appuntamenti economici, finanziari e politici piú rilevanti di oggi:

  VENERDI' 29 luglio
  FINANZA
            10h30 Conference call Leonardo Finmeccanica
            17h00 A2A

  CDA
                  A2A, Anima H., Autogrill, B.Mps, B.Sistema, Cir,
                  BasicNet, Boero B., Caltagirone, Centrale Latte To.,
                  Cofide, Fiera Mi., Gabetti, Parmalat, Stefanel, Zignago
                  V., B.P.Vicenza

  ASSEMBLEE
  --

  ECONOMIA POLITICA
  Roma           Boccia e sindacati su contratti

  ECONOMIA INTERNAZIONALE
  Londra   22h00 L'Eba rende noti gli esiti sugli stress test condotti su
                 53 banche dell'area Eur

red/ds

(fine)

MF-DJ NEWS
2908:00 lug 2016
 
08:0029-07-2016
Mercati: i dati macro italiani ed esteri di oggi
   MILANO (MF-DJ)--Questi i dati macro-economici di oggi sulla base delle indicazioni della Direzione
Centrale Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo:

  VENERDI' 29 luglio

  *BOJ
         - annuncio tassi
           (previsione: tasso a -0,20%, base monetaria a +85 tln annui)

  *GIAPPONE
   01h30 - inflazione giugno
           (precedente: +0,1% m/m; -0,4% a/a;
            consenso: -0,4% a/a)
         - inflazione core giugno
           (precedente: -0,4% a/a)
         - tasso disoccupazione giugno
           (precedente: 3,2%;
            consenso: 3,2%)
         - spesa consumatori giugno
           (precedente: -1,1% a/a,
            consenso: -0,3% a/a)
         - vendite al dettaglio giugno
           (precedente: -1,9% a/a;
            consenso: -1,5% a/a)

  *FRANCIA
   07h30 - Pil 2* trim. preliminare
           (precedente: +0,6% t/t, +1,4% a/a;
            previsione: +0,2% t/t;
            consenso: +0,2% t/t)

  *GERMANIA
   08h00 - vendite al dettagli giugno
           (precedente: +0,9% m/m, +2,6% a/a;
            previsione: +0,5% m/m;
            consenso: inv. M/m, +1,1% a/a)

  *FRANCIA
   08h45 - spese consumi familiari giugno
           (precedente: -0,7% m/m, +2,2% a/a;
            previsione: inv. m/m)

  *SPAGNA
   09h00 - Pil 2* trim. preliminare
           (precedente: +0,8% t/t, +3,4% a/a;
            previsione: +0,6% t/t)
         - inflazione armonizzata preliminare luglio
           (precedente: -0,9% a/a;
            previsione: -0,9% a/a)

  *ITALIA
   10h00 - tasso di disoccupazione giugno
           (precedente: 11,5% m/m;
            previsione: 11,5% m/m)

  *EUROZONA
   11h00 - Pil 2* trim. preliminare
           (precedente: +0,6% m/m, +1,6% a/a;
            previsione: +0,3% m/m, +1,6% a/a)
         - inflazione preliminare luglio
           (precedente: +0,2% m/m; +0,1% a/a;
            previsione: +0,1% a/a;
            consenso: +0,1% a/a)
         - inflazione core preliminare luglio
           (precedente: inv. m/m, +0,9% a/a;
            previsione: +0,8% a/a;
            consenso: +0,8% a/a)
         - tasso disoccupazione giugno
           (precedente: 10,1%;
            previsione: 10,1%;
            consenso: 10,1%)

  *ITALIA
   11h00 - inflazione preliminare luglio
           (precedente: +0,1% m/m, -0,4% a/a;
            previsione: -0,1% m/m, inv. a/a)
         - inflazione armonizzata preliminare luglio
           (precedente: +0,2% m/m, +0,2% a/a;
            previsione: -1,8% m/m, -0,1% a/a)
         - indice dei prezzi di produzione giugno
           (precedente: +0,5% m/m, -3,7% a/a)

  *USA
   14h30 - Pil 2* trim. (advance)
           (precedente: +1,1% t/t;
            previsione: +2,6% t/t;
            consenso: +2,6% t/t)

  *BELGIO
   15h00 - Pil 2* trim. preliminare
           (precedente: +0,2% t/t)

  *USA
   15h45 - indice Napm Chicago luglio
           (precedente: 56,8 punti;
            previsione: 55 punti;
            consenso: 54,6 punti)
   16h00 - indice fiducia consumatori U.Michigan finale luglio
           (precedente: 89,5 punti;
            previsione: 94 punti;
            consenso: 93,7 punti)

  *In giornata sono attesi i risultati degli stress test dell'Eba sulle
banche europee
  *Alle 05h00 è attesa la conferenza stampa di Kuroda (BoJ)
  *Alle 12h30 è attesa la decisione sui tassi della Banca centrale russa
  *Alle 15h30 è atteso il discorso di Williams (Fed) sulla politica
monetaria
  *Alle 19h00 è atteso il discorso di Kaplan (Fed)

eln

(fine)


MF-DJ NEWS
2908:00 lug 2016
 
19:3028-07-2016
L'agenda di domani
   MILANO (MF-DJ)--Questi gli appuntamenti economici, finanziari e politici piú rilevanti di domani:

  VENERDI' 29 luglio
  FINANZA
            10h30 Conference call Leonardo Finmeccanica
            17h00 A2A

  CDA
                  A2A, Anima H., Autogrill, B.Mps, B.Sistema, Cir,
                  BasicNet, Boero B., Caltagirone, Centrale Latte To.,
                  Cofide, Fiera Mi., Gabetti, Parmalat, Stefanel, Zignago
                  V., B.P.Vicenza

  ASSEMBLEE
  --

  ECONOMIA POLITICA
  Roma           Boccia e sindacati su contratti

  ECONOMIA INTERNAZIONALE
  Londra   22h00 L'Eba rende noti gli esiti sugli stress test condotti su
                 53 banche dell'area Eur

red/ds

(fine)


MF-DJ NEWS
2819:30 lug 2016
 
19:0028-07-2016
Wall Street: sotto la parita', incertezza dopo Fed
   MILANO (MF-DJ)--Wall Street prosegue le contrattazioni sotto la parita', dopo che ieri la Federal Reserve
ha lasciato il mercato nell'incertezza riguardo alla possibilita' di rialzo dei tassi di interesse nei prossimi mesi. 

Il Dow Jones cede lo 0,36%, l'S&P 500 lo 0,16% e il Nasdaq Composite lo 0,04%. Debole anche la performance dei prezzi
del petrolio, con il Brent che lascia sul terreno il 2,02% a 42,62 usd/barile e il Wti l'1,93% a 41,13 usd/barile. 

La Banca centrale statunitense ha sì riconosciuto che i rischi sull'outlook di breve termine dell'economia Usa sono
diminuiti, ma l'assenza di un riferimento esplicito a un'azione al rialzo sul costo del denaro non convince il mercato. 

Prima del comunicato stampa del Fomc i future sui Fed-fund davano la probabilitá di un rialzo a settembre al 21% e a
dicembre al 43%. Oggi le percentuali sono scese rispettivamente al 19% e al 38%.

Nonostante il braccio operativo della Federal Reserve sia piú ottimista "questo non sta a significare che ci sará un rialzo
dei tassi giá nel prossimo meeting", puntualizzano gli strategist di Ubs.

La riunione del Fomc di luglio, come atteso, non ha evidenziato alcun cambiamento nella politica della Federal Reserve in
tema di tassi d'interesse. La Fed ha espresso commenti positivi sull'economia, a seguito dei recenti dati, e i rischi di
inflazione sono stati minimizzati. "Il mercato tiene giá conto di un 50% di probabilitá di un altro rialzo entro la fine
dell'anno, evento che ci sembra realistico visto il tono dell'ultima dichiarazione, a condizione tuttavia che nel frattempo
i dati si consolidino", sottolinea Salman Ahmed, Chief Investment Strategist di Lombard Odier Investment Managers.

Guardando al futuro, "gli occhi saranno tutti puntanti sul discorso di Janet Yellen al Jackson Hole piú avanti in agosto,
per valutare quanto la Federal Reserve sia effettivamente vicina ad attuare un aumento dei tassi. Dal nostro punto di vista,
è probabile che decida un ulteriore rialzo quest'anno, piú verosimilmente a dicembre", conclude Ahmed.

Dello stesso avviso e' anche Luke Bartholomew, gestore di Aberdeen Asset Management, che sottolinea che "alcuni blocchi per
un rialzo dei tassi sono stati rimossi" e la possibilita' che "quest'anno ci sia almeno un rialzo dei tassi è tornata ad
essere decisamente in gioco". 

Nel frattempo, sul fronte macroeconomico, le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono salite di 14.000 unitá
a quota 266.000 unitá, rispetto alle 261.000 attese dal consenso. Il dato della scorsa settimana è stato rivisto al ribasso
di 1.000 unitá a 252.000 unitá.

La media mobile nelle ultime quattro settimane, considerata piú attendibile dal mercato perchè meno volatile, è a 256.500,
in calo di 1.000 rispetto al dato di sette giorni fa, rivisto a 257.500. Il dato è rimasto sotto quota 300.000 per la 73*
settimana consecutiva, la striscia positiva piú lunga dal 1973.

Prima della pubblicazione della stima advance sulla crescita del Pil Usa nel secondo trimestre, in agenda per domani, lo
strumento di previsione utilizzato dalla Fed di Atlanta si attesta a +1,8%, sui minimi da inizio maggio e in calo dal 2,3%
di ieri. Questo strumento, introdotto nel 2014, viene osservato con attenzione dagli investitori perchè offre stime in tempo
reale sui dati relativi alla crescita del Pil Usa, che invece vengono pubblicati a distanza di piú tempo. Gli economisti
intervistati di recente dal Wall Street Journal prevedono che la figura di domani si attesti a +2,6%.

Sul valutario il dollaro ha perso terreno dopo il Fomc e il cambio euro/usd tratta a 1,1074 con massimo intraday a 1,1119.
Sull'obbligazionario il rendimento del Treasury biennale è stabile allo 0,73% e quello del decennale all'1,50%.

eln/alb
eleonora.ermacora@mfdowjones.it
(fine)


MF-DJ NEWS
2819:00 lug 2016
 
17:4328-07-2016
BORSA: commento di chiusura
   MILANO (MF-DJ)--Il Ftse Mib ha chiuso la seduta con un -2,02% a 16.522 punti, appesantito da alcuni titoli
che hanno segnato forti cali dopo le trimestrali e dal comparto bancario su cui e' prevalsa la prudenza in vista del
risultato degli stress test di domani sera.

I dati macroeconomici sono passati in secondo piano: l'indice di fiducia economica nei Paesi dell'Eurozona si è attestato a
luglio a 104,6 punti, in rialzo rispetto al consenso a 103,5 e al dato di giugno a 104,4. In America le richieste
settimanali di sussidi di disoccupazione
negli Stati Uniti (dato destagionalizzato) sono salite di 14.000 unitá a
quota 266.000 unitá, rispetto alle 261.000 attese dal consenso. 

A piazza Affari B.P.Milano -4,62%, Unicredit -3,72%, B.P.E.Romagna -3,12%, Intesa Sanpaolo -3,01%, B.Popolare -2,95%, Ubi B.
-1,6% e Mediobanca -1,24%. 

In leggero rialzo invece B.Mps (+0,1%) con la stampa che ha riportato i dettagli del piano di riduzione del rischio che
dovrebbe essere approvato domani dal Cda. A detta di Credit Suisse il mercato crede a una soluzione privata per il problema
dei Non performing loan. 

  Stm (-0,69% a 6,45 euro) si e' presa una pausa dopo il rally di
ieri. Intanto Ubs ha alzato il prezzo obiettivo sul titolo da 5 a 6,2
euro, confermando la raccomandazione neutral mentre Liberum Capital ha
portato il target price da 7 a 8,5 euro (buy).

  Fca ha segnato un -8,05% a 5,71 euro. A detta di Exane Bnp Paribas
(underperform) il target della societá sui margini dell'area Nafta di
circa il 10% entro la seconda metá del 2017 è troppo elevato.

  In rosso Saipem che ha lasciato sul terreno l'9,78% a 0,3966 euro. Il
mercato ha preso male il taglio della guidance 2016 mentre gli analisti
hanno mantenuto la calma e si sono concentrati sui risultati del secondo trimestre che hanno battuto le stime.

  Male anche Azimut H. (-9,38% a 14,3 euro) che viene penalizzata dai
conti. A detta di un analista il titolo è stato penalizzato dai costi operativi peggiori del previsto.

In completa controtendenza Leonardo Spa (+2,73% a 9,965 euro) che ha accelerato al rialzo dopo la pubblicazione dei
risultati superiori alle attese. Resiste bene ai cali Enel (-0,3%) che ha pubblicato conti rassicuranti. 

  Sul resto del listino si segnala Brembo (-1,66%) che ha pubblicato conti superiori alle attese.

sda

(fine)


MF-DJ NEWS
2817:43 lug 2016
 
16:4728-07-2016
WALL SREEET: prosegue debole, la Fed non convince il mercato
   MILANO (MF-DJ)--Wall Street prosegue debole anche in scia ai cali del greggio, dopo che ieri la Federal
Reserve non ha convinto il mercato sulla possibilita' di rialzo dei tassi di interesse nei prossimi mesi.

Il Dow Jones cede lo 0,41%, l'S&P 500 lo 0,21% e il Nasdaq Composite tratta sulla parita'. Fiacca la performance dei
prezzi del petrolio, con Brent che perde l'1,43% a 42,85 usd/barile e il Wti l'1,34% a 41,35 usd/barile.

  La Banca centrale statunitense ha si' riconosciuto che i rischi
sull'outlook di breve termine dell'economia Usa sono diminuiti, ma non ha
fatto esplicito riferimento a un possibile rialzo dei tassi di interesse a settembre, lasciando ancora una volta il mercato
nell'incertezza.

  Prima del comunicato stampa del Fomc i future sui Fed-fund davano la
probabilita' di un rialzo a settembre al 21% e a dicembre al 43%. Oggi le
percentuali sono scese rispettivamente al 19% e al 38%.

Nonostante il braccio operativo della Federal Reserve sia piu' ottimista "questo non sta a significare che ci sara' un
rialzo dei tassi gia' nel prossimo meeting", puntualizzano gli strategist di Ubs.

  La riunione del Fomc di luglio, come atteso, non ha evidenziato alcun
cambiamento nella politica della Federal Reserve in tema di tassi
d'interesse. La Fed ha espresso commenti positivi sull'economia, a seguito dei recenti dati, e i rischi di inflazione sono
stati minimizzati. "Il mercato tiene gia' conto di un 50% di probabilita' di un altro rialzo entro la fine dell'anno, evento
che ci sembra realistico visto il tono dell'ultima dichiarazione, a condizione tuttavia che nel frattempo i dati si
consolidino", sottolinea Salman Ahmed, Chief Investment Strategist di Lombard Odier Investment Managers.

  Guardando al futuro, "gli occhi saranno tutti puntanti sul discorso di
Janet Yellen al Jackson Hole piu' avanti in agosto, per valutare quanto la Federal Reserve sia effettivamente vicina ad
attuare un aumento dei tassi. Dal nostro punto di vista, e' probabile che decida un ulteriore rialzo quest'anno, piu'
verosimilmente a dicembre", conclude Ahmed.

  Nel frattempo, sul fronte macroeconomico, le richieste settimanali di
sussidi di disoccupazione sono salite di 14.000 unita' a quota 266.000
unita', rispetto alle 261.000 attese dal consenso. Il dato della scorsa
settimana e' stato rivisto al ribasso di 1.000 unita' a 252.000 unita'.

  La media mobile nelle ultime quattro settimane, considerata piu'
attendibile dal mercato perche' meno volatile, e' a 256.500, in calo di
1.000 rispetto al dato di sette giorni fa, rivisto a 257.500. Il dato e'
rimasto sotto quota 300.000 per la 73* settimana consecutiva, la striscia
positiva piu' lunga dal 1973.

  Sul valutario il dollaro ha perso terreno dopo il Fomc e il cambio
euro/usd tratta a 1,1099 con massimo intraday a 1,1119. Sull'obbligazionario il rendimento del Treasury biennale e' stabile
allo
0,73% e quello del decennale in lieve rialzo all'1,53%.

eln/alb
giuseppe.mangiaracina@mfdowjones.it
(fine)


MF-DJ NEWS
2816:47 lug 2016
 
15:5828-07-2016
BORSA: Ftse Mib resta negativo dopo WS, Enel accelera con conti
   MILANO (MF-DJ)--Il Ftse Mib cede l'1,4% a 16.626 punti dopo l'apertura delle Borse americane (Dow Jones
-0,4%, S&P 500 -0,29%). In perdita anche l'Ibex (-1,79%), il Cac-40 (-0,36%), il Ftse 100 (-0,25%) e il Dax (-0,16%). 

Il principale indice milanese "e' appesantito da alcuni titoli che perdono dopo la pubblicazione delle trimestrali e dal
settore bancario su cui c'e' prudenza per gli stress test. Su Mps (+1,97%, ndr) la speculazione resta elevata", dichiara un
esperto contattato da MF-Dowjones. 

A piazza Affari Saipem rimane in forte calo (-9,1% a 0,3996 euro): i risultati del secondo trimestre 2016 hanno battuto le
attese ma la guidance sul 2016 e' stata abbassata. Il mercato sembra molto preoccupato mentre gli analisti in generale
mantengono invariate le proprie stime. 

In rosso anche Azimut H. (-7,48% a 14,6 euro) che viene affossata dai conti. A detta di un analista il titolo e' penalizzato
dai costi operativi che sono andati molto male rispetto al previsto. 

Fca segna un -5,88% a 5,845 euro. A detta di Exane Bnp Paribas (underperform) il target della societa' sui margini dell'area
Nafta di circa il 10% entro la seconda metá del 2017 e' troppo elevato. 

Tra i bancari B.P.Milano -3,55%, Intesa Sanpaolo -3,47%, Unicredit -3,53%, B.P.E.Romagna -2,78%, B.Popolare -1,99%, Ubi B.
-1,45% e Mediobanca -1,24%. 

In controtendenza Enel (+1,09% a 4,068 euro) che ha accelerato al rialzo dopo la pubblicazione dei risultati del primo
semestre che hanno evidenziato un aumento della guidance. 

  Prysmian (-0,15%) annulla quasi tutte le perdite dopo la trimestrale. 

  Sul resto del listino si segnala Piaggio (+1,91%) che prosegue il rally post conti.

sda
susanna.scotto@mfdowjones.it
(fine)


MF-DJ NEWS
2815:58 lug 2016
 
15:4828-07-2016
Wall Street: parte debole, la Fed non convince il mercato
   MILANO (MF-DJ)--Wall Street e' partita debole, dopo che ieri la Federal Reserve non ha convinto il mercato
sulla possibilita' di rialzo dei tassi di interesse nei prossimi mesi. 

Il Dow Jones cede lo 0,33%, l'S&P 500 lo 0,19% e il Nasdaq Composite lo 0,03%. Fiacca anche la performance dei prezzi
del petrolio, con Brent che perde lo 0,53% a 43,24 usd/barile e il Wti lo 0,19% a 41,85 usd/barile. 

La Banca centrale statunitense ha sì riconosciuto che i rischi sull'outlook di breve termine dell'economia Usa sono
diminuiti, ma non ha fatto esplicito riferimento a un possibile rialzo dei tassi di interesse a settembre, lasciando ancora
una volta il mercato nell'incertezza.

Prima del comunicato stampa del Fomc i future sui Fed-fund davano la probabilitá di un rialzo a settembre al 21% e a
dicembre al 43%. Oggi le percentuali sono scese rispettivamente al 19% e al 38%.

Nonostante il braccio operativo della Federal Reserve sia piú ottimista "questo non sta a significare che ci sará un rialzo
dei tassi giá nel prossimo meeting", puntualizzano gli strategist di Ubs.

La riunione del Fomc di luglio, come atteso, non ha evidenziato alcun cambiamento nella politica della Federal Reserve in
tema di tassi d'interesse. La Fed ha espresso commenti positivi sull'economia, a seguito dei recenti dati, e i rischi di
inflazione sono stati minimizzati. "Il mercato tiene giá conto di un 50% di probabilitá di un altro rialzo entro la fine
dell'anno, evento che ci sembra realistico visto il tono dell'ultima dichiarazione, a condizione tuttavia che nel frattempo
i dati si consolidino", sottolinea Salman Ahmed, Chief Investment Strategist di Lombard Odier Investment Managers. 

Guardando al futuro, "gli occhi saranno tutti puntanti sul discorso di Janet Yellen al Jackson Hole piú avanti in agosto,
per valutare quanto la Federal Reserve sia effettivamente vicina ad attuare un aumento dei tassi. Dal nostro punto di vista,
è probabile che decida un ulteriore rialzo quest'anno, piú verosimilmente a dicembre", conclude Ahmed.

Nel frattempo, sul fronte macroeconomico, le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono salite di 14.000 unitá
a quota 266.000 unitá, rispetto alle 261.000 attese dal consenso. Il dato della scorsa settimana è stato rivisto al ribasso
di 1.000 unitá a 252.000 unitá.

La media mobile nelle ultime quattro settimane, considerata piú attendibile dal mercato perchè meno volatile, è a 256.500,
in calo di 1.000 rispetto al dato di sette giorni fa, rivisto a 257.500. Il dato è rimasto sotto quota 300.000 per la 73*
settimana consecutiva, la striscia positiva piú lunga dal 1973.

Sul valutario il dollaro ha perso terreno dopo il Fomc e il cambio euro/usd tratta a 1,1099 con massimo intraday a 1,1119.
Sull'obbligazionario il rendimento del Treasury biennale è stabile allo 0,73% e quello del decennale in lieve rialzo
all'1,53%.

eln/alb
eleonora.ermacora@mfdowjones.it
(fine)


MF-DJ NEWS
2815:48 lug 2016
 
Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Banca Euromobiliare per rimanere sempre al passo con le novità.


Ogni mese sarai aggiornato sulle news più recenti, sugli eventi più esclusivi, sui convegni più importanti e su molto altro.

Prossimi eventi

Banca Euromobiliare è una realtà sempre in movimento. Scopri gli eventi organizzati o sponsorizzati per non perderti nessun avvenimento.

<luglio 2016>
lmmgvsd
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
  • escher convesso e concavo_hp
    culturale_w
    20
  • escher vincolo dunione 1956 800x600_hp
    culturale_w
    21
  • macchiaioli_hp
    culturale_w
    27
20 luglio 2016 - dalle 18:00
Escher
Evento culturale

Le oltre 200 opere in mostra creano un percorso espositivo che ripercorre...


> Vai all'evento

Palazzo Reale - piazza del Duomo, 12 - 20121 Milano
21 luglio 2016 - dalle 18:00
Escher
Evento culturale

Le oltre 200 opere in mostra creano un percorso espositivo che ripercorre...


> Vai all'evento

Palazzo Reale - piazza del Duomo, 12 - 20121 Milano
27 luglio 2016 - dalle 18:00
I Macchiaioli, le collezioni svelate
Evento culturale

L’esposizione raccoglie oltre 110 opere provenienti da collezioni private...


> Vai all'evento

Chiostro del Bramante - Via Arco della Pace, 5 - 00186 Roma
Credem: Fitch conferma rating
24 giugno 2016

Fitch Ratings, nella giornata
odierna, ha confermato...

Credem: Gregori nuovo direttore generale
10 giugno 2016

Al termine di un lungo
percorso professionale...

La solidità ha radici profonde
12 maggio 2016

Banca Euromobiliare è la
“boutique finanziaria”...

Scopri tutte
le ultime news
da Banca Euromobiliare

schermata 2016 05 20 alle 12.07.02
Crediti deteriorati
schermata 2016 04 21 alle 16.57.40
Nuovo fondo Atlante

Il nostro
canale di
informazione
e notizie

Un canale multimediale dedicato alle notizie di Banca Euromobiliare.

Una raccolta video di eventi e novità raccontate da Banca Euromobiliare.

Consulenza Finanziaria Evoluta

Attività di ricerca, education finanziaria ed un servizio accurato offerto
dai migliori gestori della relazione
ed asset manager internazionali.

Servizio di Gestione Patrimoniale

Soluzioni d’investimento personalizzate
e di alta qualità. Costruite con una specifica attenzione al rapporto tra rischi e benefici.

TG Economia
Avvio positivo per le borse europee
Piazza Affari apre in rialzo di quasi mezzo punto percentuale, primeggiano Generali e FCA

Banca Euromobiliare è una
boutique finanziaria specializzata
nella gestione degli investimenti
e nell'advisory.

Professionalità ed esperienza sono valori imprescindibili
del nostro modello di servizio.
Ricerchiamo l'eccellenza nella gestione dei patrimoni privati
e delle attività finanziarie per l'impresa.